Formazione volontari

Nella sezione sono riportate le informazioni e le disposizioni relative alla formazione dei volontari di Servizio civile.

La formazione è l’elemento caratterizzante del Servizio Civile e  aiuta i giovani a vivere correttamente l’esperienza. Più in generale, le sue finalità sono quelle di:

  • sviluppare nei volontari la cultura del servizio civile
  • assicurare il carattere nazionale e unitario del servizio civile
  • trasmettere strumenti e indicazioni operative per poter svolgere le attività progettuali

La formazione si articola in Formazione Generale e Formazione Specifica.

La Formazione Generale trova il suo punto di partenza in quella che è la peculiare identità del servizio civile, ovvero la sua funzione di difesa della Patria non armata e non violenta e più in generale la sua valenza di esperienza di cittadinanza attiva per i giovani. In questa prospettiva, la formazione generale si propone come una importante occasione di formazione civica per il volontario, fornendogli strumenti per una partecipazione attiva e responsabile che lo aiutino a comprendere le dinamiche delle interazioni sociali (inclusione, esclusione, marginalizzazione) e gli spazi che il protagonismo giovanile può avere nella crescita del benessere delle comunità e delle reti di coesione sociale.

La formazione approfondisce le seguenti tematiche:

  • valori e identità del Servizio Civile, che affronta storia e suoi principi ispiratori;
  • la cittadinanza attiva, che fornisce elementi di formazione civica, forme di cittadinanza e partecipazione, compresa la rappresentanza dei volontari;
  • il giovane volontario nel sistema del Servizio Civile, in cui si trasferiscono quegli elementi per poter orientare il giovane e consentirgli di operare nel servizio civile e di gestire i conflitti in maniera costruttiva e inclusiva.

La Formazione Generale, la cui frequenza è obbligatoria, deve essere svolta entro la prima metà di svolgimento del servizio.

La Formazione Specifica è inerente alla peculiarità del progetto in cui il volontario opera e riguarda, pertanto, le azioni in cui sarà impegnato durante il suo servizio civile. 

La formazione specifica permette al volontario di avere quegli strumenti minimi per svolgere adeguatamente le attività di progetto e per questo va svolta nei primi mesi.
Durante il percorso formativo dovrà essere obbligatoriamente previsto anche un modulo di formazione e informazione su rischi connessi all’impiego dei volontari nei progetti di Servizio civile e ai sensi del decreto legislativo 81/2008.

La Formazione Specifica, la cui frequenza è obbligatoria,  deve essere svolta entro i primi tre mesi di servizio.