Formazione figure degli enti

Nella sezione sono riportate le informazioni e le disposizioni relative alla formazione delle figure che necessariamente devono essere formate per poter operare nel sistema del Servizio Civile: Operatore Locale di Progetto (OLP) e Formatore Generale (FG).

 

La Regione e il Dipartimento possono erogare la formazione anche per altre figure del sistema. 

 

Link utili

Chi è l’OLP?
L’Operatore Locale di Progetto (OLP) è una figura centrale nel servizio civile; rappresenta la figura di riferimento diretto per i volontari e il raccordo tra l’ente e il volontario.

In ogni sede di progetto deve essere necessariamente presente un OLP che coordina massimo 6 volontari (ad eccezione dei progetti all’estero in cui il numero dei volontari coordinati dall’OLP si riduce a 4), competente sulle attività di progetto, che si misura giorno per giorno in un’azione di mediazione tra il gruppo dei volontari e tutti gli altri soggetti e organizzazioni coinvolti. 


L’OLP è un maestro per i volontari: da una parte sostiene l’articolarsi del loro percorso formativo a cui il servizio civile tende, dall’altra ne favorisce l’inserimento dentro l’organizzazione e ne guida l’attività; sua è la cura della gestione del progetto, sua è la cura della quotidianità del volontario partecipante. Il suo ruolo  è decisivo per la buona riuscita di un progetto di servizio civile.

Formazione dell'OLP

Vista la delicatezza e importanza del ruolo, il sistema prevede la frequenza obbligatoria di un percorso formativo, della durata minima di 8 ore, in cui l’OLP comincia ad entrare nel sistema del Servizio Civile, a conoscere le sue regole e a misurarsi in maniera consapevole con il suo ruolo.

La formazione degli OLP è curata sia dall’ente che si accredita al Servizio Civile Universale che dalle Istituzioni: Regione o Provincia Autonoma e Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale.

Tipo di formazione 

Formazione Basic

Gli enti al momento dell’accreditamento dichiarano di essere in grado di svolgere la formazione dei propri OLP e presentano un relativo piano di formazione per assicurare la loro formazione di base.

Anche la Regione può svolgere corsi di formazione di base per gli OLP al posto degli enti.

Richiami e approfondimenti

La Regione e/o il Dipartimento possono organizzare dei percorsi di approfondimento per gli OLP già formati.

Modulistica corsi OLP 

E' possibile scaricare la documentazione direttamente dal sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale 

Chi è il Formatore Generale
Un’altra figura decisiva nel sistema del Servizio civile è quella del Formatore Generale che si caratterizza per avere competenze e abilità nella formazione e per conoscere gli ambiti essenziali che caratterizzano il percorso complessivo del Servizio civile. Il formatore si occupa di organizzare ed erogare la formazione generale ai volontari nel rispetto del piano di formazione accreditato dall’ente .
Il suo compito è quello di aiutare il volontario a capire il contesto in cui si trova per renderlo sempre più consapevole del percorso che sta affrontando e aiutarlo a costruire un senso più ampio dell’esperienza in modo che si radichi nella sua formazione personale e civile.

Consulta anche la sezione Formazione tra gli approfondimenti della Sezione Enti

Contenuti salienti della Formazione Generale
La Formazione Generale trova il suo punto di partenza in quella che è la peculiare identità del servizio civile, ovvero la sua funzione di difesa della Patria non armata e non violenta e, più in generale, nella sua valenza di esperienza di cittadinanza attiva per i giovani.

In questa prospettiva, la formazione generale è una importante occasione di formazione civica per il volontario, fornendogli strumenti per una partecipazione attiva e responsabile che lo aiutino a comprendere le dinamiche delle interazioni sociali (inclusione, esclusione, marginalizzazione) e gli spazi che il protagonismo giovanile può avere nella crescita del benessere delle comunità e delle reti di coesione sociale.

Formazione del Formatore Generale
Per svolgere il ruolo di Formatore Generale è necessario sia essere un formatore accreditato al ruolo sia svolgere un percorso formativo preliminare, della durata di 30 ore, in cui comprendere appieno il significato specifico del ruolo e conoscere in dettaglio i moduli essenziali su cui dovrà essere sviluppato il percorso formativo con i volontari.
Possono accreditarsi al ruolo di Formatore Generale i laureati nelle materie affini al campo della formazione, gli abilitati all’insegnamento o coloro i quali abbiano un’esperienza almeno biennale nella formazione, realizzata nei precedenti cinque anni; per maggiori dettagli verifica la circolare sull’accreditamento nel menù normativa Regolamentazione.

La formazione del Formatore Generale è curata dalle Istituzioni: Regione o Provincia Autonoma e Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio civile universale che dall’ente che si accredita al Servizio Civile Universale.

Tipo di formazione 

  • Formazione Basic

Si tratta di una percorso formativo che ripercorre i moduli base che devono necessariamente essere affrontati con i volontari e che sono indicati nelle linee guida sulla formazione 

  • Richiami e approfondimenti

La Regione e/o il Dipartimento possono organizzare dei percorsi di approfondimento per i Formatori Generali in merito ad alcune tematiche.

Regolamentazione
Le Linee guida per la formazione generale , pur non potendo prefigurarsi come sistema formativo completo, rappresentano i principi a cui devono ispirarsi tutti gli Enti, nonché il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio civile universale, le Regioni e Province autonome nei corsi di formazione di rispettiva competenza.

Più specificamente, dette Linee guida indicano i contenuti minimi necessari della formazione generale, quali elementi culturali comuni a tutto il sistema del servizio civile, a cui devono attenersi tutti i soggetti erogatori della formazione generale e forniscono indicazioni sulle metodologie didattiche, sul monitoraggio e sui requisiti dei formatori.

Chi è il referente per la progettazione

Al fine di poter ospitare i volontari, gli enti accreditati al Servizio civile universale devono progettare specifici percorsi da presentare con la pubblicazione dell’Avviso agli Enti. La progettazione per il Servizio civile è complessa e sviluppa programmi articolati in progetti. La figura incaricata dall’Ente di Servizio civile universale di svolgere la progettazione deve avere esperienza sulla progettazione sociale e tener conto di una serie di strumenti normativi e regolamentari: la programmazione pluriennale sul Servizio civile, le disposizioni contenute nell’Avviso, la circolare sulla progettazione, le linee guida sulla formazione.

Chi si occupa della progettazione deve conoscere e saper correttamente interpretare le esigenze dell’ente in maniera tale da coniugare la sua mission, le sue richieste e risorse disponibili con il sistema del Servizio civile.

La documentazione utile per la progettazione è disponibile in Normativa – Regolamentazione – voce presentazione Programmi/Progetti

Formazione del referente per la progettazione

La Regione con la pubblicazione dell’Avviso agli Enti generalmente organizza degli incontri seminariali in cui approfondisce le specificità dell’Avviso e la circolare per la presentazione dei programmi in corso di validità.

Chi è il referente per l’attestazione delle competenze
Il servizio civile è anche un'esperienza che consente al volontario l’acquisizione di competenze spendibili per il suo futuro; il che si concreta attraverso il rilascio di un attestato – standard o specifico- o di una certificazione in merito al percorso svolto. Il responsabile della valorizzazione delle competenze, figura necessariamente prevista per l’accreditamento di ogni ente, si occupa e sovrintende questo percorso assieme ad altre figure più a diretto contatto con il volontario.

Per approfondimenti consulta anche la sezione Enti – Attestazione delle competenze e la voce del Normativa – Regolamentazione – Presentazione programmi/progetti per visionare gli allegati relativi al riconoscimento e valorizzazione delle competenze.

Formazione dei referenti per l’attestazione delle competenze
La Regione Puglia sta organizzando in via sperimentale delle sessioni formative per preparare il personale degli enti coinvolto nel processo di attestazione delle competenze alla logica e alle procedure per l’individuazione, rilevazione e valorizzazione delle competenze dei volontari in Servizio Civile.

Al momento non è programmata alcuna sessione formativa.